E’ uno dei nomi italiani di spicco nel mondo della danza. Inizia la sua carriera giovanissimo, è protagonista all’Arena di Verona di una creazione di Birgit Cullberg: Ritratto di famiglia. Dal 1987 al 1990 è interprete principale del Balletto dell’Opera di Zurigo, dove interpreta le creazioni di Uwe Scholze Mercuzio nel Romeo e Giulietta di Cranko al fianco di Marcia Haydée e Richard Cragun. Ha danzato al fianco di Rudolf Nureiev nel passo a due de Le compagnone errante per le coreografie di Maurice Bejart. Nel 1991 è unico solista ospite italiano in un grande galà al Kirov di Leningrado (oggi Mariinsky di San Pietroburgo). Ha fatto parte del Balletto dell’Opera di Bonn, dove, nel 1993, ha danzato diversi ruoli principali nelle coreografie di Valery Panov in particolare Petrushka, presentato in tournée aMosca. Nel 1996 torna a Bonn come ospite in Sogno di una notte di mezza estate perle coreografie di Yuri Vanos. Alicia Alonso lo invita più volte come danzatore e coreografo ricostruttore delle coreografie di Michel Fokine per il Ballet Nacional de Cuba.Tra le sue partner, Carla Fracci, Luciana Savignano, Alessandra Ferri, Galina Panova, Anna Razzi, Eileen Brady, Evelyne Desutter, Trinidad Sevillano, Lucía Lacarra, Lorna Feijóo, Tamara Rojo, Maria Guimenez, ecc. Petrushka, Le Spectre de la Rose, L’après-midi d’un faune, Shéhérazade ed altri sono balletti che Toni Candeloro ha danzato e ne ha approfondito anche in seguito la ricerca con alcuni danzatori e maestri appartenuti all’ultima generazione diaghileviana o con altri che li avevano personalmente studiati con Tamara Karsavina, Alexandra Danilova, Alicia Markova etc. È un àmbito congeniale alla personalità e alla cultura che da sempre distinguono le scelte artistiche di Toni Candeloro e lo hanno portato ad essere oggi uno dei pochi attenti e appassionati ricostruttori, tanto da essere, per esempio, invitato da Alicia Alonso al Balletto Nazionale de Cuba a danzare Petrushka e ricostruire Carnaval ambedue di Michel Fokine (il primo importante coreografo dei Ballets Russes). E’ ospite come coreografo di importanti Teatri internazionali dall’Europa alla Russia e in Accademie dal Conservatoire National superieur de musique e de danse di Parigi all’Accademia Nazionale di Danza (Roma). Ospite in convegni e master class nelle più famose Università italiane ed europee. E’ ritenuto da critica e pubblico artista colto per ideazioni di eventi che portano la danza in platee desuete come nel ’95 in Sala Nervi al Vaticano, alla presenza di Giovanni Paolo II; nel 2009 ha danzato per Benedetto XVI e per il Dalai Lama in occasione della sua venuta in Italia. Toni Candeloro, possiede una ricca collezione sulla danza dal ‘600 a oggi e collabora con l’Associazione Michel Fokine con prestigiosi musei, come il Museo di Stato del Teatro e della Musica di San Pietroburgo, il Museo di Stato Russo di San Pietroburgo, il Museo Mart di Rovereto (Italia), il Museo della Scala di Milano ed altri ancora.